Dopo aver celebrato la fine di un ciclo e l’inizio di uno nuovo, con tutti i frutti donatoci da Madre Terra, entriamo nel decimo mese del calendario gregoriano (ottavo in quello romano).

Con la Luna delle foglie cadenti (conosciuta anche come luna rossa) si entra in una fase di presagio, la cui energia prende culmine proprio nella stagione autunnale e nell’ultima maturazione per i doni della terra, il cui decadimento preannuncia l’arrivo dell’inverno.

È un momento di profondo riposo per la natura ed una necessità anche per noi, soprattutto in questo periodo dove l’energia porta ad attimi di assopimento per meglio circolare tra non molto tempo verso nuove frequenze. Ed è proprio tale necessità che si scontra poi con i ruoli che impone la quotidianità, creando delle difficoltà, in quanto avverrebbe in piena stagione lavorativa.

La notte si allunga e lascia spazio e tempo al femminile (motivo per il quale è considerato tempo di presagi), che avvia a sua volta un senso di trasformazione consono a questa fase dell’anno che prenderà maggior potere verso la prossima Luna, la quale ci porterà a conoscere ulteriori nuove sfaccettature del nostro Essere.

È quindi un momento di predisposizione alla ricerca dell’armonia, attraverso il contatto con l’arte, la quale è possibile trovare per prima nei colori della natura, nella bellezza e nella poesia autunnale della stessa, che durante questa lunazione verrebbe ringraziata per tutte le opportunità offerte e doni dati a noi fin’ora, quei stessi doni che fungeranno da supporto durante tutto il periodo invernale nel proprio grembo famigliare.

Proprio per tal motivo, questo periodo verrebbe considerato ideale per Meditazioni e Rituali dove si potrà ringraziare per ciò che si ha, richiedendo protezione sul seminato attuale e futuro , risvegliando energia di buon auspicio per nuovi inizi di introspezione, utili a rivalutare ciò di cui si ha veramente bisogno e per affrontare l’inverno nel quale avremo sicuramente modo di lavorare ulteriormente su determinate nostre parti che ci aiuteranno a raggiungere maggior consapevolezza.

Tale luna prende il nome anche di Luna Rossa (per via della colorazione della natura stessa), e Luna del Sangue, in quanto cadrebbe nel periodo in cui anni fa (e tutt’ora in alcuni paesi) iniziava un periodo di caccia, dal quale il sangue dell’animale ucciso veniva poi dato alla terra come nutrimento e ringraziamento.

È una lunazione che c’invita alla riflessione sul nostro coraggio e sulla nostra audacia.
Per chi è in contatto con gli animali, è consigliabile seguire l’energia di Artemide, dedicandogli maggior attenzione.

Lasciamoci quindi trasportare in questa discesa verso l’Interiorità, ricordando di lasciare andare ciò che non è più utile alla nostra Evoluzione, dedicandoci all’avanzamento ed alla purificazione interiore.

Rispondi

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: